5 settembre 2016: Si ricomincia!

Il 5 settembre 2016, noi “grandi”, torneremo a scuola e incontreremo la Direttrice Tiziana e le maestre Daniela, Franca, Giorgia e Nicoletta che ci accompagneranno fino a giugno dell’anno prossimo, rivedremo Anna sempre intenta al computer, Emanuela, la cuoca in gamba che cucinerà quella famosa pizza che tutti quanti vorrebbero e dovrebbero assaggiare, troveremo Zsanett sempre pronta a pulire e asciugare i pavimenti che noi facciamo di tutto per sporcare e tante altre persone sempre disposte a lavorare per noi.

Alcuni dei nostri compagni non ci saranno più perché frequenteranno già la prima elementare ma, per fortuna, il giorno dopo, 6 settembre, accoglieremo tutti i bambini “nuovi” che inizieranno … sarà una gran bella festa!

Ebbene sì, sarà una grande festa perché potremo imparare un mucchio di cose belle … prima fra tutte la “MUSICA” con il maestro Ugo Viola… do, re, mi… un, due, tre, quattro, pausa… e poi  impareremo canzoncine divertenti e così via!

Insomma: ci divertiremo tanto e ci piacerebbe molto che venissero tanti altri bambini perché, come dice una canzone “e più saremo insieme, più gioia ci sarà”. Perché non ci impegniamo tutti a far venire alla nostra Scuola altri bimbi, altri amici di gioco?

Buone vacanze 2016!!!

Vacanze!!!

… alla fine sono arrivate e  il cortile e le aule della nostra Scuola materna e dell’asilo nido non risuoneranno più, per alcune settimane, dei cinguettii dei nostri bimbi: che tristezza!

Ma al loro ritorno recupereranno il tempo perduto perchè, per il prossimo anno, potranno restare a scuola dalle 7,30 alle 18,00!

Castagnata 2015

 

Untitled_20

Venerdì 24 ottobre abbiamo organizzato la castagnata all’asilo approfittando del nostro bellissimo giardino. Così, come ogni anno, quando il nostro albero perde le foglie, ci siamo ritrovati tutti insieme, Nido e Materna, per mangiare le caldarroste cotte dal nostro Presidente.

Per i bambini è un bellissimo momento di incontro e tutti ci siamo divertiti molto.

Laboratorio teatrale – Anche i lupi hanno sfumature

Untitled_1

 Inizio: Gennaio 2015

Responsabile: Maestra Daniela

Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori: essi hanno le loro uscite e le loro entrate; e una stessa persona, nella sua vita, rappresenta diverse parti

William Shakespeare

 

Teatro, come forma interattiva tra linguaggi diversi: verbale, non verbale, del corpo e gestuale.

Un laboratorio teatrale inteso come gioco che aiuti i bambini a conoscersi e a crescere in tanti aspetti.

Il protagonista su cui lavoreremo è il Lupo, leggeremo diversi racconti. In alcuni di questi si tratterà di un lupo cattivo, famelico, in altri, i bambini conosceranno lupi simpatici e dolci.

Ci immedesimeremo in ognuno di questi racconti, portando e arricchendo la figura del protagonista con una parte di noi, del nostro vissuto.

Ogni bambino rappresenterà il lupo “cattivo” e quello “buono” spiegando le proprie motivazioni.

Le storie che leggeremo saranno:

  • Cappuccetto Rosso (Jacob e Wilhelm Grimm)
  • Il lupo e i sette capretti (Jacob e Wilhelm Grimm)
  • Tommaso e i cento lupi cattivi (Valeri Gorbachev)
  • Approfondiremo: Virginia Wolf – la bambina con il lupo dentro (Kyo Maclear- Isabelle Arsenault).
  • La versione positiva la cercheremo in racconti come:
  • Il lupo che cercava l’amore (Orianne Lallemand)
  • Sono io il più forte! (Mario Ramos)
  • Sono io il più bello! (Mario Ramos)
  • Il più furbo (Mario Ramos)

Ascolteremo anche “Pierino e il lupo” di Sergej Sergeevic Prokofiev e, con l’aiuto del maestro Ugo Viola, conosceremo i diversi strumenti musicali presenti nel racconto (Oboe, Clarinetto, Flauto, Violino…); associando la musica a stati emotivi.

Obbiettivi

  • Imparare a muoversi nello spazio, consapevoli del proprio corpo.
  • Scoprire che in ognuno di noi coesistono il lupo cattivo e quello buono.
  • Contrastare gli stereotipi e i pregiudizi.
  • Prendere consapevolezza che si possono vedere le cose da diversi punti di vista.
  • Esternare le proprie emozioni.
  • Portare alla luce i vissuti profondi e la consapevolezza della propria persona, utilizzando giochi di ruolo.
  • Sviluppare una ricerca libera e creativa.
  • Lavorare con i compagni ad un progetto comune.

Metodologia

  • Esercizi sull’occupazione dello spazio.
  • Esercizi sull’attenzione e concentrazione.
  • Esercizi sulla conoscenza e coordinazione del corpo.
  • Esercizi che aiutano a guadagnare fiducia in se stessi e a perdere la paura del contatto fisico con gli altri.
  • Esercizi sulla trasformazione del corpo (mi immedesimo in…).
  • Lettura di racconti.
  • Discussione e confronto su quanto letto.
  • Emozioni suscitate.
  • Drammatizzazione.
  • Giochi di decentramento (capacità di mettersi nei panni degli altri).
  • Riproduzione della figura del lupo.